RASKOLNIKOV DELITTO E CASTIGO – IL SUO FALLIMENTO, LA LEGGE MORALE

Raskòlnikov, ha ucciso l’usuraia per liberarsi dalla morale comune, in nome di una morale del superuomo; ma il compito più arduo, che dopo questo episodio lo attende, è la liberazione dal senso di colpa. Secondo lui, i grandi personaggi come Napoleone non hanno mai avuto nelle loro procedere, di fronte ad uccisioni di uomini (che si rendevano necessarie per realizzare i loro progetti) sensi di colpa. Anche il nostro protagonista vorrebbe giustificare il suo atto in nome di un principio, per poter dire: non ho ucciso una persona, ma un principio. È qui