RAGIONARE NEL QUOTIDIANO

Ho scritto quello che segue come un fiume, niente è stato pianificato, ma solo quello che nel preciso momento sentivo di dover riportare; non so se qualcuno lo leggerà, non è importante, ma tutto questo ha svolto il suo compito: darmi la possibilità di ragionare con me stesso.  Ho ascoltato e ho scritto dei pensieri che sono apparsi come sinfonie. Quando pensiamo che tutto sia normale e consuetudinario basta per un attimo puntare sul pensiero e chiedergli di staccarsi dalla Terra, andare sopra le nuvole, guardare ancora più su e vedere il buio