Ogni volta che imparo qualcosa di nuovo mi domando quante possibilità ci sono per rendersi diversi dagli altri e quanto, io compreso, ci fermiamo alle abitudini.

Con questo piccolo corso di 16 ore ho messo in pratica ogni singolo step, seguendo un progetto per un amico artigiano della zona.Perché? Se studi dimentichi, ma se fai ricordi.

ALLA SCOPERTA DEI VIDEO PUBBLICATI SU YOUTUBE

La potenza dei video sponsorizzati su YouTube da parte mia è ancora tutta da scoprire. 

Oltre ad essere un mezzo fortemente “emotivo”, e l’emotività è la base di ogni scelta, con un budget limitato si possono fare numeri importanti, impensabili con i media tradizionali. 

In base alla mia esperienza, e per dare un metro di paragone, con 500 euro si mostra il proprio messaggio a 105.250 potenziali clienti, con 15.750 visualizzazioni. Circa il 15% delle impressioni diventa una visualizzazione, non male!.

C’è da dire che l’impressione rimane comunque un messaggio a sostegno della considerazione del marchio (brand awareness). Di conseguenza con 500 euro mostro la mia pubblicità ad una città più grande di Varese, persona per persona e non buttata nel mucchio come l’acquisto di uno spazio pubblicitario in viale Borri; inoltre qui parliamo di traffico specialistico con remarketing. 

La grande competizione su Internet si gioca sul SEO e allora bisogna diventare degli abili “seduttori”, grazie alle parole fare innamorare di noi il nostro cliente e il motore di ricerca; oppure, pagando, ci compriamo quel posto al sole che ci saremmo dovuti sudare a forza di tag, keywords, immagini pertinenti, backlink e via discorrendo!.

Per me il Seo vince, ma Seo e risultati a pagamento vincono ancora di più.

Tornando a noi, la pubblicità video su YouTube è davvero poco utilizzata, soprattutto da chi ne potrebbe trarre maggior beneficio, come piccoli artigiani e imprenditori eppure potrebbe arrivare all’animo delle persone e alla loro emotività, perché è da questo aspetto che partono gli acquisti e le scelte, tutte anche le più tecniche possibili.

Ma i cambiamenti sono sempre difficili; ognuno vuole rimanere nella propria zona di comfort. 

Oggi dopo 2 mesi di lockdown torniamo a un barlume di libertà, facciamo che non sia solo fisica ma anche mentale, sfruttiamo questa occasione per fare, nei limiti del consentito e del ragionevole, tutto quello che non abbiamo fatto ieri, affari compresi. Perchè la vità è un’occasione e non coglierla è forse il più grande errore che si possa fare.

Mirko Bresciani
Digital Marketing

IL SITO INTERNET PER UN’AZIENDA E’ COME IL PRATO DAVANTI CASA. LASCERESTI LE ERBACCE CRESCERE LIBERAMENTE?

WEBINAR, UN NUOVO SISTEMA DI COMUNICARE

PICCOLI ARTIGIANI E PRESENZA DIGITALE SUL TERRITORIO

IL PICCOLO IMPRENDITORE, STORIE E NUOVE IDEE DA CONDIVIDERE

il piccolo imprenditore